Mercoledì, 11 Settembre 2019 15:43

“Open Badges”: la fotografia digitale delle competenze

Condividi!

Sembrano semplici immagini. In realtà gli Open Badges sono fotografie digitali del profilo professionale ed evidenziano quelle esperienze trasversali che ciascuno di noi acquisisce nel corso della sua vita al di fuori dei titoli di studio: soft skills, conoscenza delle lingue straniere, competenze digitali, l’appartenenza a gruppi, partecipazione a corsi o attribuzione di crediti. Nati nel mondo dei videogiochi per rappresentare il livello di abilità, sono oggi uno strumento rivoluzionario per il riconoscimento delle competenze e di tutte quelle esperienze accumulate al di fuori dei contesti formali.

Ma cosa rende gli Open Badges così innovativi? I metadati in essi contenuti identificano la persona che ha acquisito il badge, l’ente che ha emesso il badge, i requisiti per ottenere il badge, le competenze acquisite. Si richiamano ad uno standard riconosciuto a livello internazionale, inizialmente definito dalla Mozilla Foundation ed attualmente indirizzato dal consorzio IMS Global (Open Badges v2.0), che li rendono personali, portatili e leggibili da qualsiasi applicazione. Così, chiunque può accedere alle informazioni contenute all’interno del badge e controllarne la veridicità.

Gli Open Badges completano il tuo e-portfolio

A tutti gli effetti gli Open Badges sono una forma di digital credential, che può essere raccolta all’interno di una piattaforma, punto di incontro fra utenti, formatori ed aziende. Ne è un esempio Bestr.it, sviluppata da Cineca, il riferimento nazionale per la rappresentazione e l’attestazione di competenze, anche se l’open badge è supportato anche in altri ambienti web, come Wordpress, Linkedin, etc. Accanto ai titoli di studio tradizionali, gli Open Badges arricchiscono l’e-portfolio, il curriculum vitae digitale rappresentativo del percorso professionale tramite link, testi video e altri elementi multimediali. Ciascun utente può collezionarli, mostrarli e decidere di condividerli con gli altri.

Gli Open Badges valorizzano il capitale umano delle aziende

In campo aziendale, gli Open Badges rendono più efficace il sistema di gestione delle competenze, attribuiscono valore ai dipendenti e permettono di pianificarne i percorsi di formazione e di crescita professionale di ognuno. Non è questo l’unico vantaggio. L’acquisizione dei badge funge da stimolo motivazionale, in quanto sono assegnati a chi consegue dei risultati significativi, partecipando a progetti, seguendo percorsi formativi, superando prove di verifica. Aumenta inoltre la presenza nello spazio virtuale dell’azienda, creando opportunità per nuove relazioni e per l’acquisizione di nuovi clienti. Non da meno gli Open Badges rafforzano gli strumenti per il recruiting verificando in modo agevole e sicuro le competenze dei candidati.
Stando agli ultimi sviluppi, inoltre, grazie alla tecnologia Blockchain tutti i dati inerenti all’emissione del titolo sono disponibili pubblicamente, senza la necessità di contattare l’istituzione emittente, e inalterabili, annullando la possibilità di falsificazione di qualsiasi certificato. Sempre attraverso l’uso di una Blockchain delle competenze, l’azienda è in grado di tracciare i risultati della formazione, confrontare e selezionare i profili in modo veloce per programmare percorsi di crescita del personale e di apprendimento continuo.

Giovedì, 08 Agosto 2019 08:56

Come offrire contenuti di valore?

Condividi!

Strategie e tools innovativi per un percorso formativo efficace

In che modo si possono offrire contenuti di valore e trasferire alla rete dei propri collaboratori e dei propri partner il giusto know how aziendale?
Prima di iniziare ad impostare un qualsiasi programma di formazione o di sviluppo aziendale, è buona norma fermarsi a riflettere su alcuni fattori chiave che possano minarne l’efficacia.
Che sia un percorso formativo gestito internamente o affidato ad un professionista esterno, ti suggeriamo alcuni utili strategie per massimizzare il risultato.

Condividi!

Nuove tecnologie a supporto di un approccio data driven alla formazione

Per ottenere il massimo in azienda hai bisogno di un team allenato! E un buon HR si comporta come un coach: sceglie i giocatori, valuta le azioni e si adopera per migliorare le abilità di tutti. Oggi, grazie alla trasformazione digitale, nuovi tools e strumenti didattici rendono la formazione professionale, continua, aggiornata, a minor costo rispetto alle modalità in aula, personalizzata e flessibile, anche potendo interrompere e riprendere “la lezione” nel corso della giornata. Oggi, soprattutto, la formazione è misurabile e fa crescere i risultati in modo continuativo e sostenibile.